Da circa due anni, a Mountain View, il team degli ingegneri di Google sta lavorando ad un nuovo sistema operativo per smartphone che sostituirà il celebre Android.

Si chiamerà Fuchsia OS e sarà progettato per funzionare su qualunque tipologia di dispositivo, inclusi i PC, gli smart speaker e i dispositivi per la domotica.

Sarà quindi un’evoluzione di Android che però romperà la tradizione dell’utilizzo del kernel (ovvero il nucleo) di Linux. Fuchsia infatti si baserà su Zircon, un kernel tutto nuovo creato direttamente da Google che gli permetterà persino di staccarsi da Oracle, la multinazionale che detieni i diritti sulla tecnologia Java utilizzata per costruire Android.

Per l’arrivo di Fuchsia, al momento, non vi è alcuna data ufficiale ma potrebbe arrivare presto e inizialmente sui dispositivi più piccoli rigorosamente prodotti da Google mentre per tutti gli altri device, probabilmente non prima di cinque anni.

Sembra che Google stia sempre più puntando sulla fusione dell’hardware con il software stravolgendo sempre più la sua strategia, che ricorda molto quella seguita da sempre dal suo più grosso rivale; Apple.

General Manager dell’agenzia MEM di Milano. Specializzato nel Marketing Online strategico e operativo in Italia, Svizzera e Germania. Svolgere l’incarico di Business Development Manager e Marketing Manager per grandi aziende, mi ha permesso, nel corso degli anni, di acquisire una notevole esperienza imprenditoriale nel settore dell’Information Technology e del Marketing digitale, facendomi specializzare sempre più sulle innovative strategie di Marketing online a livello internazionale